In questo sito utilizziamo i cookie per rendere speciale la tua esperienza di navigazione.

Top Stories

Benvenuto nella pagina di informazioni turistiche di Paternò.

Da questa pagina puoi:

  • prenotare una visita ai monumenti storici di Paternò
  • prenotare un soggiorno
  • conoscere le indicazioni per arrivare a Paternò
  • mangiare a Paternò
  • vita notturna a Paternò

 

Per qualsiasi informazioni è possibile inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orario di apertura 

Orario invernale 

da Lunedì a Venerdì ore 09:00 - 12:30
da Lunedì a Venerdì ore 16:00 - 19:00 

Orario estivo (da Luglio a Settembre) 

da Lunedì a Venerdì ore 9:00 - 12:30

Storia della Biblioteca Comunale di Paternò

Nel 1835 circa si è deliberato di istituire una Biblioteca Comunale, scegliendo come sede il Palazzo Alessi, attaccato alla "loggia".
I primi volumi, tra i quali 26 cinquecentini, sono costituiti dal lascito effettuato dal Dotto Medico Bibliofilo Dott. Antonio Mazzamuto.
Nel 1922 dietro iniziativa del Prof. Giuseppe Musarra, viene istituita forse come continuazione della precedente, la "Biblioteca Pubblica Circolante Comunale", che prenderà presto un grande sviluppo, con varie iniziative culturali.
La stessa verrà gestita dal fratello del Prof. Musarra Antonino, fino al 1930 quando la Biblioteca inizia le attività unitamente ai teatri parrocchiali, alle scuole del Comune e alla Proloco con concerti e spettacoli anche in piazza Indipendenza.
Domenica 7 gennaio 1951 viene inaugurata la Biblioteca Comunale "G. B. Nicolosi" fornita di schedari metallici, tavoli e dotata di telefono, per l'occasione il Comm. Virgillito ha donato un mobile contenenti i volumi della Enciclopedia Treccani.
Nel 1958, dal 16 al 22 marzo viene organizzata la "Settimana della Biblioteca" con varie manifestazioni culturali.
Il salone Conferenze verrà inaugurato il 2 maggio 1958 con una magistrale conferenza tenuta dal Chiarissimo Prof. Santo Mazzarino.
Nel 1993 quando era Assessore On. Nino Lombardo venne organizzata la prima mostra mercato del libro. Ad inaugurare la manifestazione fu Giulio Einaudi al quale fu data, dal Sindaco Alfredo Corsaro, la Cittadinanza Onoraria.
Nel 1997, a causa del crollo di una parte dell' emeroteca la Biblioteca fu trasferita presso i locali dell'ex Carcere Borbonico, oggi sede del Museo Civico.
Nel 2001 venne nuovamente trasferita presso i locali degli ex invalidi e finalmente il 15 maggio 2009, i locali della sede storica di via Monastero, 4 sono stati riaperti al pubblico. Il luogo della memoria di Paternò è stato riconsegnato ai Paternesi.

Sito ufficiale della Biblioteca realizzato a titolo gratuito dall'Associazione Culturale Paternesi.com

Qui di seguito gli orari e le informazioni utili per usufruire della piscina comunale "Giovanni Paolo II" di Paternò (CT) sita in Corso Italia.

Documenti necessari per l'iscrizione:

  • Copia documento valido (per i minori vale l'autocertificazione del genitore sul modulo prestampato o certificato di nascita)
  • Certificato di sana e robusta costituzione esente da malattia della pelle
  • N° 3 foto tessera

La segreteria riceve dal Lunedì al Venerdì dalle 9.00 alle 20.30 e Sabato dalle 9.00 alle 17.30

Numero telefonico segreteria: 3285815517

Di seguito gli orari della piscina

Il fallimento culturale della città passa principalmente dalle mani di chi la governa.

Ci dispiace, ancora una volta, per 11 anni di fila, dover commentare in maniera amara quanto accaduto in queste settimane.

Il copione è sempre lo stesso, si fa richiesta per un evento in tempi molto congrui (30 Maggio 2016), si aspetta, si aspetta, si aspetta (non è un errore di word...), si chiama, si chiama, si chiama (continua a non essere un errore di word...), ci si incontra ai primi di ottobre !
La data di inizio evento è il 17.
Si capisce bene che per organizzare 80 artisti (almeno), impianto pubblicitario, comunicazione su tutti i canali, coinvolgimento di associazioni ed altro, in 15 giorni è cosa impensabile.
Ma per chi gestisce questo paese è ordinaria amministrazione.
Al nostro incontro, avvenuto a pochi giorni di inizio della manifestazione, ci viene ribadito che la prassi è corretta, noi facciamo richiesta ma non avremo mai una risposta fin quando non andiamo a bussare alla porta di chi dovrebbe autorizzarci.
Premesso che tutto questo si configura in un impostazione molto errata in termini di programmazione culturale; in passato abbiamo più volte esortato l'ufficio cultura e i responsabili della cultura, a redigere, in base alle richieste di eventi, un calendario mensile al fine di mettere ordine.
Il nostro evento viene richiesto mesi prima proprio per questo, per essere incastrato all'interno della programmazione culturale di questa città, programmazione che purtroppo non esiste.
Comunque sia, nonostante i problemi sollevati in termini di organizzazione e quant'altro veniamo rassicurati che l'evento si farà ma ci sono dei problemi...
Primo fra tutti l'energia elettrica.
Al palazzo delle arti non viene pagata la bolletta della luce e da un momento all'altro può accadere il distacco del servizio; ma questa situazione se non ricordiamo male fa riferimento a mesi e mesi fa, perchè veniamo avvisati soltanto adesso ?
Richiediamo pertanto almeno il rimborso spese e ci viene subito servito un 2 di picche, ma nel momento in cui facciamo presente che per un evento di circa 20 giorni prima con richiesta fatta postuma rispetto alla nostra, sono stati concessi manifesti e volantini, lì cominciano i grattacapi e risolvono concedendoci i manifesti.
Dalla delibera veniamo a conoscenza anche della realizzazione di volatini !
Che bello, pensiamo.
Ieri si è svolta la consueta premiazione presso la Biblioteca Comunale, fuori quindi dal luogo della mostra, cosa gravissima perchè priva di senso logico.
La fortuna vuole che il nostro evento è seguito per cui molta gente soprattutto da fuori viene a rendere omaggio al Maestro Ventimiglia e agli artisti che lo accompagnano.
I grandi assenti sono stati gli stessi che ci hanno autorizzato l'evento, i volantini e i manifesti (ribadiamo mai realizzati).
Presente solo un consigliere comunale che poverino si è beccato la critica del moderatore Salvo Fallica, del Vice Presidente Mario Cunsolo e del presidente Giorgio Ciancitto, oltre alla grande delusione del presidente di giuria, Ghumbert di Cattolica, che amareggiato ha speso parole di speranza per il futuro.
Mariano Ventimiglia non merita tutto questo e ci dispiacerebbe dover spostare l'evento presso altre sedi fuori dal territorio paternese.
Questo è molto grave poichè Mariano era Paternese e Paternò deve molto ad un artista vincitore della Biennale di Venezia.
Il trattamento ricevuto dalla nostra associazione, perdurato per anni, ha inficiato molto nell'esistenza della stessa, tanto che si procederà, quasi di certo, alla chiusura delle attività.
Ricordiamo anche le parole del primo cittadino che l'anno scorso aveva promesso l'intitolazione di una via a Mariano Ventimiglia; quest'anno insieme alla richiesta per il memorial abbiamo protocollato anche quella relativa alla via, nessuna risposta. 
Il Memorial Mariano Ventimiglia ha raccolto in 11 anni: 1200 artisti, 5000 visitatori, 2500 opere.
Evento unico nel suo genere a Paternò, non vi è stato altro evento, all'infuori degli eventi religiosi, ad avere così tanta costanza e portata.
E' un dispiacere anche vedere la poca presenza dei cittadini, sintomo di una città povera di cultura e di spirito civico.

I vincitori dell'XI edizione del Memorial Mariano Ventimiglia sono:

Per la Pittura: Michael Albano con "Forza della Natura"
Scultura: Nuccio Bertuccio con "Cherubino"
Fotografia: Evelyn Astuto con "Acqua"
Installazione: Gianni Serra con "Black Hole"

A loro vanno i nostri migliori auguri per una carriera artistica piena di grandi soddisfazioni

Un grande ringraziamento va a Franco Uccellatore che con la sua passione continua a far rivivere momenti di un passato che è sempre presente; Domenico Arcoria che con i ricordi vissuti con il Maestro ha sempre onorato la sua memoria; Ghumbert Di Cattolica che con la sua esperienza e i suoi modi gentili e nobili ha dato un grandissimo apporto a questo memorial; al giornalista Salvo Fallica che riesce sempre a mettere ad evidenziare l'operato della nostra associazione e le difficoltà che si sono incontrate in questi anni. Come non ringraziare soprattutto Lorenzo Merola che da tantissimo tempo riesce a far quadrare tutto e Luigi M. C. Urso per il grande supporto per la buona riuscita di questo evento. A loro vanno i nostri ringraziamenti nella speranza di averli sempre al nostro fianco.

Ci rivedremo l'anno prossimo con tante novità e, speriamo, meno impedimenti !

Mi ritrovo ancora a dover scrivere, dopo anni di totale menefreghismo e cecità da parte dell'Amm. Comunale di Paternò, a denunciare la rischiosa e incresciosa situazione relativa alla manifestazione che quest'anno compie 10 anni.
Mi riferisco al Memorial che ogni anno dedichiamo al maestro Mariano Ventimiglia; artista conosciuto in tutto il mondo, le sue opere sono in Vaticano e nelle ambasciate di paese d'oltre mare.
Il paternese vincitore della Biennale di Venezia non vince mai in casa, questo per volontà dei nostri amministratori che persistono in un azione di indifferenza nei confronti di Paternesi.com che dal 2002 opera sul territorio paternese senza nulla a pretendere.
Oggi però pretendiamo, pretendiamo rispetto per una persona di cui ricordiamo non solo le opere d'arte ma anche la grande umanità che espresse durante la seconda guerra mondiale ai danni dei tedeschi per salvare vite umane.
Vi racconto cosa è accaduto in questi mesi e tutto ciò ripetetelo per circa 9 anni.
Conscio della grande considerazione che l'amministrazione comunale ha nei riguardi della nostra associazione, protocollo la richiesta a Novembre 2014 (per svolgere l'evento in Giugno 2015) nella speranza di avere in anticipo luogo, date e se possibile qualche contributo visto che si tratta della X edizione ed avevamo intenzione di fare qualcosa di straordinario.
A Febbraio contatto l'ufficio preposto e mi assicurano che qualcuno mi chiamerà presto.
Ad Aprile la mia pazienza finisce e contatto nuovamente l'ufficio i quali mi dicono di non aver visto la proposta, addirittura era andata persa.
A questo punto contatto i giornalisti paternesi i quali riescono ad aiutarci pubblicando un articolo di denuncia dando una grande enfasi per il grave errore commesso.
Con grande sorpresa due funzionari mi contattano immediatamente dicendomi che non era necessario dover alzare tutto questo polverone e che potevo chiamare loro direttamente.
Ribadisco di aver protocollato una regolare richiesta e che non solito chiamare l'amico o il politico di turno per un'azione a dir poco "clientelare".
Loro mi assicurano che la manifestazione avrà luogo e nel contempo mi propongono di creare un progetto che loro stessi avrebbero presentato alla Regione Sicilia al fine di ottenere un contributo per lo svolgimento del Memorial e per questo motivo spostiamo le date ad Ottobre 2015.
Da Aprile a circa due settimane fa non ricevo alcuna risposta.
Quindi contatto ancora i preposti i quali mi dicono che in settimana qualcuno mi chiamerà; imperterrito e non avendo ricevuto risposta alcuna, li contatto nuovamente ed ho il piacere finalmente di parlare con il neo assessore alla cultura la quale si vede smarrita e mi dice di aver visto la nostra richiesta soltanto una settimana prima di questa telefonata.
La stessa mi assicura che mi avrebbe chiamato entro la settimana per vedere se l'amministrazione comunale accetta di fare l'evento anche perchè i fondi sono finiti !
Alla luce di tutto ciò mi chiedo perchè io debba aspettare così tanto tempo per un semplice "NO"; mi chiedo anche perchè un evento protocollato a Novembre non viene inserito all'interno della famosa programmazione culturale di cui l'assessore dice di attenersi.
Mi chiedo anche come mai, parlando quindi di contributi, uno spettacolo svoltosi giorno 5 Settembre 2015 ha avuto un protocollo datato giorno 28 Agosto 2015.
Non me ne vogliano i fautori di codesto interessante spettacolo, ma aver visto "uscire" 3100 euro dalle casse del Comune in nemmeno 8 giorni e dover attendere 11 mesi per sentirmi dire che i fondi sono terminati, mi sembra a dir poco una presa in giro.
Anche se oggi, come immagino qualcuno mi chiamerà e mi dirà che l'evento sarà possibile farlo, mi chiedo come possa organizzare tutto in quanto sono invitati oltre 100 artisti provenienti da tutta Sicilia, per non parlare di tutto ciò che sta dietro l'organizzazione di un simile evento in termini di pubblicità, stampe, manifesti, inviti, brochure, cataloghi...
A questo punto pubblico questo articolo di denuncia nei confronti dell'attuale amministrazione comunale di Paternò per il mancato rispetto delle norme che regolano il protocollo relativo alle richieste e per il mancato rispetto nei confronti dell'Associazione Culturale Paternesi.com che fin quando "serviva" poteva essere considerata, quando si è fatta scomoda non è stata più di loro interesse.
Mi rivolgo ai giornalisti e alle testate giornalistiche del nostro paese al fine di divulgare questo articolo di denuncia affinchè tutto questo sia di conoscenza pubblica.

Paternesi.com è un sito culturale della città di Paternò, il tuo aiuto è fondamentale per il sostentamento del sito e dell'Associazione Paternesi.com

Uno spazio pubblicitario è fondamentale per il tuo business, a soli 15€ ti offriamo un banner pubblicitario all'interno del sito.

Per altre soluzioni pubblicitarie non esitare a contattarci al 349 295 2880 oppure tramite mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ti ringraziamo per l'aiuto che ci dai !