In questo sito utilizziamo i cookie per rendere speciale la tua esperienza di navigazione.

Top Stories

Uno degli ultimi gladiatori della storia del calcio italiano, sta (purtroppo) per attaccare le scarpette al chiodo.
A 38 anni, Luca Toni ha deciso di lasciare il calcio giocato, quello da professionista che tanto gli ha regalato e che gli ha permesso di raggiungere traguardi illustri.
In una conferenza stampa il giocatore ha dichiarato, non senza tristezza, che quella di domenica contro la Juventus sarà la sua ultima gara giocata. Il Verona la settimana seguente sarà in trasferta a Palermo per l’ultima di campionato, ma Luca non ci sarà.
Chiuderà la carriera in casa al Betegodi contro la Juventus, la prima della classe, e un campione come lui non poteva fare altrimenti.
Bookmaker come Sisal, hanno già quotato se lascerà la Serie A con un ultimo gol, lui che in carriera ne ha fatti più di 300.
L’Hellas Verona è la sua ultima casa, e mai come quest’anno, la stagione è stata davvero difficile. Non solo per i problemi fisici ma anche con il rapporto non idilliaco con l’allenatore Del Neri, che l’ha confinato un po’ troppo spesso ai margini della squadra.
Questa triste parentesi non può cancellare una carriera costellata di trionfi. 156 gol in Seria A, 323 in carriera tra club e Nazionale. È stato capocannoniere 4 volte in ben 3 campionati diversi: 1 volta in Serie B, 1 volta in Bundesliga e 2 in Serie A. Una Bundesliga vinta con il Bayern Monaco e soprattutto una Coppa del Mondo vinta con l’Italia di Lippi nel 2006. Tante le squadre in cui ha militato, partendo dal Treviso, poi Vicenza, Brescia, Palermo e Firenze. L’esperienza in Germania e poi il ritorno in patria con Roma, Genoa, Juventus. Via ancora all’esterno al Al Nasr. Il ritorno di nuovo in Italia per una seconda giovinezza, ancora a Firenze e poi a Verona, all’Hellas per scrivere ancora sul libro dei record. 20 gol il primo anno, 22 il secondo per diventare il miglior bomber del Verona in Serie A e primo giocatore della squadra a vincere la classifica dei marcatori.
Cala il sipario su uno dei protagonisti principali del nostro campionato degli ultimi anni, come canterebbero i tedeschi di Luca Toni, tu sei per noi il numero 1.

Il 25 aprile la Juventus potrebbe festeggiare il suo quinto scudetto consecutivo. Numeri da capogiro e una rimonta che a inizio campionato sembrava impensabile.
Contro la Lazio ancora una vittoria, la numero 23 in 24 gare e 9 punti di distacco dal Napoli. Quella che manca è la certezza matematica ma potrebbe arrivare al prossimo turno di campionato. La prima data utile è quindi quella del 25 aprile e la squadra di Allegri dovrà guadagnare un punto in più sui partenopei.
Domenica i bianconeri saranno impegnati a Firenze contro la Fiorentina, mentre il Napoli il giorno seguente sarà all’Olimpico per la partita contro la Roma. La Juve potrebbe quindi festeggiare se: vince con la Fiorentina e il Napoli non batte la Roma; pareggia con la Fiorentina e il Napoli perde con la Roma.
Alle 16.45 di lunedì 25 aprile, al triplice fischio finale di Roma – Napoli, si saprà quindi se i bianconeri si candideranno, ancora, campioni d’Italia.
Qualora il vantaggio di +9 dovesse rimanere invariato, la chance della Juve sarà solo rimandata di una settimana. Il primo maggio infatti, ci sarà lo scontro contro il Carpi allo Juventus Stadium. Il Napoli giocherà invece il lunedì seguente, in casa contro l’Atalanta, ma le sorti di questa partita potrebbero già essere ininfluenti.
Il sipario su questo Campionato di Serie A 2015/16 sta per calare e se almeno sul vincitore non ci sono quasi più dubbi, la lotta per non retrocedere è invece ancora aperta. I bookmaker come William Hill, hanno già stilato le loro quote in proposito, ma con ancora 4 giornate al termine e vedendo gli ultimi risultati, i giochi resteranno aperti fino al 15 maggio.

L’inizio degli Europei di Francia 2016 è sempre più vicino. Il 10 giugno ci sarà il fischio d’inizio della competizione più importante in Europa.
L’Italia non è tra le favorite, ma la nostra nazionale ci ha abituato a belle sorprese.
Prima di partire quindi alla volta di Montpellier, sede del ritiro azzurro, ci saranno le ultime amichevoli per provare nuovi schemi e la coesione del gruppo.
È già stato fissato uno stage per gli azzurri dal 18 al 21 maggio, al quale però non parteciperanno i giocatori di Milan, Juventus e Paris Saint Germain, impegnati rispettivamente nella Coppa Italia e nella Coppa di Francia.
Il team sarà al completo invece a partire dal 24 maggio, quando inizierà ufficialmente il ritiro pre-Europeo. La prima amichevole che ci attende sarà disputata a Malta, contro la Scozia il 29 maggio. L’ultimo test sarà invece effettuato allo stadio Bentegodi di Verona, contro la Finlandia il 6 giugno. Due giorni dopo ci sarà la partenza per la Francia.
Gli azzurri tornano a Verona dopo 27 anni: l’ultima partita disputata qui risale al 1989, contro l’Uruguay.
I risultati delle precedenti amichevoli non sono incoraggianti, se si pensa soprattutto che abbiamo incontrato squadre che potrebbero ricapitare sul cammino di Euro 2016. Il Belgio, con il quale abbiamo perso per 3-1, sarà la prima partita del nostro girone. Per quanto siano dati ancora per favoriti, scommettere su Belgio – Italia potrebbe non essere così scontato. Infatti l’amichevole è stata giocata a Novembre e da allora l’Italia ha mostrato miglioramenti di gioco, trovando anche l’equilibrio nella formazione.
L’altro team che potremmo incontrare se andremo avanti nella competizione, è la Germania, data come favorita per la vittoria finale. Nell’amichevole giocata a marzo, abbiamo incassato 4 reti, ma la nostra nazionale si sa come cambia spirito quando la competizione diventa agonistica e non più amichevole.

La seconda partita disputata alle ore 15.00 fa registrare un netto vantaggio a favore della squadra paternese dei Red Sox contro il Bollate che si aggiudica un 12 - 7 per manifesta superiorità al 7° inning. La squadra di casa, infatti, ha avuto un forte slancio durante il quinto inning guadagnando ben 8 punti. La classifica vede ancora il Bollate al primo posto seguito dal Collecchio, Senago ed infine i Red Sox. Settimana prossima i ragazzi paternesi saranno impegnati fuori casa contro il Novara. 

Franklin Torres

Baseball

La prima delle due partite di oggi, giocata alle ore 10.00 presso il campo di C.da Ficuzza, non è andata bene per i Red Sox Baseball di Paternò. La dura sconfitta di 14 - 7 contro il Bollate ha fatto iniziare male la giornata odierna. Sul monte di lancio non sono bastati i lanci del forte Franklin Torres che a fine secondo inning faceva registrare un punteggio di 8 a 0 per gli ospiti. I Red Sox si sono ripresi soltanto durante il quinto inning guadagnando 3 punti per poi ottenerne altri quattro negli ultimi tre inning. Appuntamento pomeriggio alle ore 15.00 per la seconda gara. 

Ringraziamo Davide Marletta per la foto.

Red Sox Paternò

Baseball

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Nuovo fine settimana vincente per i Red Sox Paternò Baseball che hanno giocato in casa la IX e X partita di campionato di serie A e la 4a di andata della Serie C.

La prima gara sofferta e disputata fino all’ultimo inning, che ha visto i giovani paternesi in svantaggio fin al settimo; dopodiché la svolta con i quattro punti segnati all’ottavo.

La partita si è conclusa con il punteggio di 7 a 5 a favore dei ragazzi del manager Messina.

Ottima partita anche quella di domenica 11, terminata al settimo inning per manifesta superiorità a favore dei padroni di casa per 17 a 1.

Un risultato ottenuto grazie all’impegno di ogni singolo giocatore sceso in campo che ha dato il meglio di se’ per vincere la gara.

“Abbiamo sfruttato al meglio le partite in casa ottenendo ottimi risultati – dichiara il manager Riccardo Messina -.  Bellissima la seconda partita con notevole prova di carattere dei ragazzi che, pur essendo in svantaggi, hanno creduto in loro fino alla fine”.

Da segnalare in gara 2 il tentativo di rubata di casa base da parte di Rolexis Molina, sul risultato di cinque pari che ha fruttato due punti per i Red Sox Paternò grazie all’errore di tiro del terza base parmigiano. Vantaggio difeso, nell’ultimo inning, dal lanciatore vincente Salvatore Sciacca ed infine, dalla salvezza di Franklin Torres, già vincente nella partita di ieri.

Attualmente, la squadra paternese è la prima in classifica con una media percentuale di 700. I prossimi appuntamenti sono previsti per sabato 16 e domenica 17, contro il Senago.

Per la Serie C, importante vittoria ai danni dei Warriors Catania che sembravano riprendersi a metà partita ma sono stati battuti al 7 inning per manifesta superiorità dalla squadra paternese.

Francesca Putrino

Riprendiamo un articolo apparso online sul sito TennisWorldItalia.com 

Sono state rispettate le previsioni della vigilia del torneo, ma non sono mancate le sorprese. Nel tabellone degli under 17 successo del giovane Calogero Randazzo di Alcamo che ha vinto sia il doppio maschile, in coppia con il compagno di club Mariano Renda, sia il singolare maschile. Al secondo posto del podio del doppio maschile Francesco Piemonte e Salvatore Santangelo; entrambi hanno anche ottenuto il terzo posto nel singolare maschile. Da menzionare anche il giovane Vincenzo Della Candelora del club di Milazzo che ha ben figurato sia nel singolare (aggiudicandosi il secondo posto) sia nel doppio, in coppia con Giuseppe Martini (terzo posto).

Negli under 17 femminili successo per la giovane promessa siciliana, Alessandra D'Alcamo, che ha facilmente superato in finale la comunque brillante atleta messinese Alice Minniti. Entrambe le atlete, nonostante la giovane età hanno conquistato un brillante terzo posto nella categoria senior. Sempre nella categorie under 17 femminile ottimo terzo posto di Sonia Lombardo e della piccola Andrea Castellana.

Nel tabellone femminile senior successo pieno, come da pronostico, dell'atleta svizzera, Chiara Piazza, che ha vinto il singolare femminile, il doppio femminile in coppia con l'atleta del Boccardo di Novi Ligure, Lidia Rainero, e il doppio misto in coppia con il palermitano Luigi Izzo. Sempre nel femminile importante terzo posto dell'atleta di casa Giulia Fiorito, che ha raggiunto il terzo posto anche nel doppio femminile in coppia con Loredana Mauro.

Completa il quadro la categoria senior maschile che ha visto il successo pieno dell'atleta palermitano, Luigi Izzo, che, oltre alla vittoria nel doppio misto, ha trionfato anche nel doppio maschile, in coppia con Giuseppe Luca Caracausi, e il singolare maschile, Ancora, nella categoria senior maschile da ricordare anche il bel piazzamento del tecnico di Castel di Judica, Domenico Orazio Cocimano che, in coppia con il suo allievo Dario Placido Pesce, ha raggiunto il terzo posto.

In conclusione i successi degli atleti di casa: oltre al piazzamento di Giulia Fiorito, la polisportiva "Le Racchette", del tecnico organizzatore Enzo Pappalardo, ha raggiunto il podio con il terzo posto del giovane Nicola Di Giovanni nel singolare maschile senior, il terzo posto della coppia Alfredo Gennaro e Gayan Sylvester Prasad nel doppio maschile, e il secondo posto di quest'ultimo atleta in coppia con Chiara Fallica nel doppio misto

FedererMadrid51212-600x380Trionfo di Federer sulla terra blu di Madrid dopo una bella finale contro Berdych.

Lo svizzero perde il primo set 6-3 subendo il break nel suo secondo turno di battuta, ma rimonta vincendo 7-5 7-5 gli altri 2 set. Nonostante Re Roger non fosse particolarmente ispirato, ha giocato un ottima partita con l’eleganza tennistica che lo contraddistingue ed è riuscito a conquistare la sua ventesima vittoria nei

master 1000 e si riprende il 2° posto nel ranking mondiale.

Tra le donne Serena Williams annienta l’Azarenka con un netto 6-1 6-3.

Prossima tappa saranno gli Internazionali d’Italia a Roma, dove il numero 1 Djokovic proverà a riconfermare il successo del 2011 e Nadal farà di tutto per riprendersi la seconda posizione nella classifica ATP.

• Basket Club Paternò: Fiorito 4, F. Lo Faro 13, E. Santonocito 11, Famà 8, G. Santonocito, A. Lo Faro 11, Asero 2, Floresta 2, Rao 5. Allenatore: Bordieri.

• Nuova Jolly Reggio Calabria: R. Costa 11, V. Costa 6, Tramontana 13, Vozza 10, Suraci 2, D. Costa n.e., Rizzo, Venuto 9, Ielo n.e., Federico 4. Allenatore: Tarquini.

Arbitri: Ferraro di Ragusa e Mucella di S. Filippo del Mela (Me).

Partita sofferta quella disputata tra le mura amiche per il Basket Club Paternò contro la Nuova Jolly Reggio Calabria valevole per la seconda giornata di campionato serie DNC.

Ad avere la meglio la squadra locale che, dopo aver condotto seppur con breve scarto i parziali, conquista la vittoria con un risicato +1 sugli avversari frutto più della grinta e della maggior voglia di vincere dimostrata nell'arco del match che del gioco che ancora risulta macchinoso e su cui ancora si deve lavorare,ricordando che metà del roster è stato rinnovato rispetto alla scorsa stagione con molti under in rosa.

Ottime le prestazioni di Andrea Lo Faro e del suo omonimo Federico Lo Faro, da questa stagione militanti nel roster Paternese, il primo reduce da un lungo infortunio che lo ha costretto a stare praticamente fermo negli ultimi 2 anni,il secondo in prestito dal Cus Catania,i quali mettono a segno ben 24 punti.

La partita si trascina su un equilibrio "instabile" per tutti i mini-tempi con capovolgimenti di risultato e molti errori da ambedue le parti fino ad arrivare al punteggio di 49-46 per i locali alla fine del terzo periodo.

Negli ultimi minuti di gioco gli ospiti tentano una rimonta, favoriti dalla imprecisione ai tiri liberi dei locali, ma il quintetto paternese chiude a suo favore il match col punteggio finale di 56-55 lasciando così l'ultima posizione in classifica e dando un'iniezione di fiducia a tutto l'ambiente,ai 300 spettatori che hanno assistito al match gremendo gli spalti del palazzetto comunale di Via Bologna ed ai fedelissimi supporters della "Torcida Paternese" che hanno incitato la squadra per tutto l'incontro.

Prossimo incontro per la squadra Paternese è previsto per la quarta giornata di campionato (domenica prossima osserverà un turno di riposo come previsto dal calendario) che li vedrà nuovamente tra le mura amiche presso il palazzetto di Via Bologna domenica 4 novembre contro la Nuova Pall.Marsala.

PATERNO’ - Importantissima vittoria,in un match al cardiopalma,quella ottenuta tra le mura amiche per il Qè Call Center Paternò grazie alla quale i locali hanno potuto aggiudicarsi due punti preziosissimi che danno un distacco decisivo dalla zona retrocessione diretta ma che ancora non consentono di evitare la rischiosa roulette della zona play-out.Durante il primo quarto la squadra paternese mostra subito i muscoli, conducendo il gioco e mantenendo costantemente il vantaggio sugli avversari. Diverso il ménage del secondo e terzo quarto in cui il quintetto paternese pecca di concentrazione e precisione a canestro e l’Audax ne approfitta riducendo il distacco e portandosi in vantaggio allo scadere del terzo periodo di gioco grazie ad una percentuale tiri elevatissima.Pieno di emozioni e teso è il quarto periodo giocato sul punto a punto negli ultimi minuti dopo che i Paternesi sotto di 9 punti a 4 minuti dalla fine riescono a riagganciare gli ospiti grazie a 2 bombe da tre di Sciarretta.Decisivo è l’extra-time  che, grazie soprattutto all’apporto di capitan Famà e Lo Faro, viene chiuso a favore dei locali con il punteggio di 100-90.

Il prossimo 4 marzo, per la  9^ giornata di ritorno del campionato DNC, il Qè Call Center Paternò sarà impegnato contro il Basket Rosarno 2000.

Parziali : 24-14, 44-36, 60-64, 84-84, 100-90

Top Scorer : Famà E. 26 pt. , Lo Faro F. 24 pt.

Serie C reg. - Il Basket Club Paternò è di diritto nella storia dello sport di questo paese dopo la strepitosa vittoria per 64 – 62 in gara 2 di semifinale playoff contro la strafavorita Gad Etna,vittoria che ha permesso di approdare alla finalissima valida per la promozione al campionato di serie C nazionale.In un Palazzetto gremito in ogni ordine di posto(circa 600 spettatori tra cui si annoverava la presenza del Sindaco,di vari assessori e consiglieri comunali),la formazione di casa ha sfoderato un basket tanto aggressivo ed efficace quanto veloce e frizzante riuscendo ad annullare il potenziale offensivo e difensivo della capolista della Regular season che per 30 minuti si è trovata ad improvvisare azioni nel tentativo di contrastare lo strapotere Paternese che ha portato ad un parziale di + 22.Soltanto nell'ultimo quarto Il Gad è riuscito a recuperare lo svantaggio accumulato approfittando di un calo fisico dovuto alla differenza di rotazioni che ha favorito la squadra catanese,senza però mettere in dubbio il risultato finale.Il merito di questo risultato va attribuito a tutta la squadra,al coach e alla dirigenza che hanno saputo amalgamarsi ciascuno nelle loro funzioni creando un team che sta andando ben oltre le aspettative iniziali.Vero valore aggiunto una tifoseria organizzata composta da ragazzi locali e un vasto pubblico caloroso che hanno supportato la squadra per tutta la stagione e in particolare in questi play-off con coreografia e inni a dimostrare il loro affetto e vicinanza alla squadra.Al suono della sirena è impazzata la festa degli oltre 600 spettatori con un'invasione di campo pacifica e gioiosa che hanno fatto riscoprire il piacere di far parte di una comunità,quella PATERNESE!!

Per la cronaca vanno registrati i 23 punti di Grasso,i 19 punti di capitan Famà e i 10 punti di Castiglione nonché l'enorme apporto di Duscio in fase difensiva e nell'infodere sicurezza ai propri compagni di squadra;da lodare le prestazioni di Rao T. spina nel fianco degli avversari per la sua rapidità,Lo Faro F. sempre efficiente nelle conclusioni e il brio di Fiorito.

I parziali dei 4 tempi sono stati 17-12 / 40-26 / 58 – 41 / 64 -62

L'appuntamento è per il prossimo match fra 2 settimane per gara 1 finale playoff contro lo Sport Club Gravina.Per data e orario ufficiale consultare il sito www.basketclubpaterno.it.

FACCIAMO TUTTI IN MODO CHE IL SOGNO CONTINUI!