In questo sito utilizziamo i cookie per rendere speciale la tua esperienza di navigazione.

Rapa Nui : la misteriosa isola di Pasqua

Misteri
Typography

Di luoghi misteriosi ne esistono migliaia sul nostro pianeta, ma uno dei più affascinanti è indubbiamente l?Isola di Pasqua che, pur essendo piccolissima (infatti la sua circonferenza non supera i 59 Km), racchiude misteri antichi di centinaia di secoli.

L'isola di Pasqua, in lingua nativa Rapa Nui, è situata sull?Oceano Pacifico meridionale ed appartiene al Cile.

E? una delle isole abitate più isolate del mondo ed il suo territorio si compone di tre importanti vulcani che sarebbero Poike, Rano Raraku e Terevaka.

Diversamente da quello che si potrebbe pensare, furono i polinesiani a colonizzarla e non i sud americani pur essendo molto più vicini all'isola.

Alle origini quest?isola non aveva un nome ben preciso poiché era l?unico territorio conosciuto dai suoi abitanti originari che, dopo il loro misterioso arrivo, non vollero spingersi oltre alla ricerca di terra.

Per un breve periodo l?isola venne chiamata Te-Pito-Te-Henua che prendeva il significato di ?frammento della Terra? ma secondo alcuni poteva tradursi come ?ombelico del Mondo?.

In seguito fu chiamata Mata Ki Te Rangi che significava ?occhio nel cielo?, alla fine il nome comune con cui venne chiamata fu Rapa Nui ossia ?grande isola? in riferimento alla sua importanza.

Il mistero principale che caratterizza questa splendida isola è dato dai 600 moai rinvenuti nel corso degli anni, gigantesche teste di pietra dai tratti somatici del volto abbastanza insoliti poste a guardia dell?isola.

Ogni moai misura dai 4 ai 7 metri ed arriva a pesare oltre 20 tonnellate, quindi il mistero si infittisce poiché non è comprensibile come gli antichi abitanti di Rapa Nui, totalmente all?oscuro della meccanica moderna, abbiano potuto trasportare, sollevare e mettere in piedi statue di una massa e di un peso così consistente.

Sono state avanzate molte ipotesi a riguardo, da una forza misteriosa a noi sconosciuta fino ad arrivare all?utilizzo di poteri psichici da parte degli antichi abitanti. Ma non vi è nulla di certo poiché non esistono prove concrete o, comunque, documentate.

Le statue sono state ricavate dalla roccia estratta dal vulcano Rano Raraku, alla cui cava sono state rinvenute altre statue incomplete, lasciate inspiegabilmente in fase di lavorazione, che misurerebbero addirittura dai 10 ai 20 metri.

Sulle misteriose origini degli abitanti di Rapa Nui fu avanzata l?ipotesi che li vedrebbe discendere dall?antica ed evoluta civiltà di Lemùria, successivamente ribattezzato Mù, il mitico continente sommerso dalle acque che seguì la stessa sorte di Atlantide.

Le antiche scritture dell?India parlano di armi potentissime e di macchine volanti capaci di percorrere lunghissime distanze in breve tempo. Si pensa che questa tecnologia sia appartenuta alla civiltà di Lemùria e che possa essere stata la causa stessa che portò il continente alla catastrofe, in pratica si crede che i lemuri non seppero accettare i propri limiti e finirono con l?auto-distruggersi.

Un?altra ipotesi fu quella riguardante un asteroide abbattutosi sul Pacifico che possa aver causato un maremoto di immani dimensioni.

Si ipotizza, inoltre, che la civiltà lemure possa essere stata annientata dalla civiltà di Atlantide a seguito di una guerra scoppiata tra i due continenti in tempi antichissimi.

Non si hanno prove certe ma soltanto ipotesi plausibili.

Tutte queste ipotesi potrebbero, però, spiegare col passare del tempo le origini degli abitanti di Rapa Nui e come abbiano fatto a piazzare quegli immensi moai su tutta l?isola svelando così uno dei più antichi misteri della storia del Mondo.

Per concludere vorrei spiegare perché Rapa Nui è conosciuta come l?Isola di Pasqua; questo nome deriva dal fatto che quando venne scoperta nel 1772 d.C. dall?esploratore olandese Jacob Roggeveen era proprio il giorno di Pasqua.

 

                                                                                          Luigi M.C. Urso

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
e-max.it: your social media marketing partner